BYPASS GASTRICO E REMISSIONE DEL DIABETE

Secondo uno studio danese, tre quarti dei pazienti diabetici obesi sottoposti a bypass gastrico Roux-en-Y (Rygb) mostrano una remissione del diabete entro un anno dall’intervento. I ricercatori hanno esaminato i dati relativi a 1.111 pazienti con diabete di tipo 2 sottoposti a intervento Rygb tra il 2006 e il 2015. A sei mesi dall’intervento, il 65% dei pazienti era guarito dal diabete; la percentuale è salita al 74% nei successivi sei mesi ed è rimasta invariata per il resto del periodo di studio. I pazienti avevano più probabilità di eliminare il diabete con l’intervento chirurgico quando erano più giovani, convivevano da meno tempo con il diabete e avevano una forma di malattia meno grave; gli uomini hanno ottenuto risultati migliori delle donne. Rispetto ai 1.074 pazienti obesi con diabete di tipo 2 non trattati chirurgicamente, quelli che si sono sottoposti all’intervento hanno avuto meno probabilità di sviluppare complicanze microvascolari, come malattie ai reni o agli occhi. Con la chirurgia, il rischio di retinopatia si è ridotto del 48% e la probabilità di malattia renale si è ridotta del 46%. Entro 30 giorni dall’intervento, il 7.5% dei pazienti è stato ricoverato per complicazioni correlate alle procedure di bypass gastrico.
Dalla diagnosi di diabete, prima viene eseguito l’intervento di bypass gastrico, maggiore sarà il suo potenziale impatto sulla prevenzione di molte complicanze legate al diabete. Dato che comporta un intervento chirurgico addominale importante, sottoporsi a una procedura di bypass gastrico non è certamente privo di rischi per la salute, comprese le complicazioni a breve termine della chirurgia stessa e quelle a lungo termine, come le carenze di micronutrienti dovute al malassorbimento di vitamine e minerali assunti con l’alimentazione.

Diabetologia (IF=6.023) 62:611,2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.