COS’È L’OMOCISTEINA?

L’omocisteina è un aminoacido derivato dalla dieta. È stato osservato che esiste una correlazione positiva tra livelli di omocisteina nel sangue e aterosclerosi; valori plasmatici superiori a 15 mmol/L rappresentano un fattore di rischio per le malattie vascolari, soprattutto cerebrali. L’aumento della concentrazione di questo aminoacido può essere dovuto alla combinazione di fattori nutrizionali (carenze vitaminiche) e genetici (deficit di enzimi). L’omocisteina aumenta con l’età, è maggiore negli uomini rispetto alle donne e tende ad aumentare nel periodo post-menopausale. Gli elevati livelli di omocisteina nel sangue possono essere ridotti in modo rilevante, nella maggioranza dei casi, con idonea terapia vitaminica con acido folico 1-2 mg/die. Nel caso in cui la terapia con acido folico non sia sufficiente, può essere utile l’aggiunta di vitamine B12 e B6. La somministrazione di questi agenti terapeutici, poco costosi e privi di effetti collaterali, comporta una riduzione della concentrazione di omocisteina nel sangue mediamente del 30% rispetto ai valori iniziali. Oltre a questo effetto di riduzione dell’omocisteina, l’acido folico sembra in grado di produrre una significativa diminuzione dello spessore medio-intimale carotideo, un importante marcatore di aterosclerosi preclinica e predittore di eventi cardiovascolari (ne parleremo presto) in pazienti a rischio di ischemia cerebrale. Non esistono però studi che abbiano dimostrato una diminuzione degli eventi cardiovascolari in seguito alla terapia vitaminica sopra citata, che pertanto ha un impiego oggi limitato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.