TERAPIA DELL’IPERCOLESTEROLEMIA: EFFICACIA DEGLI INIBITORI DI PCSK9 NELLA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE

Da Chiara Pavanello

Abbiamo giá visto come l’inibizione di PCSK9, mediante evolocumab e alirocumab consenta di ottenere riduzioni del colesterolo LDL anche superiori al 60%. Quanto questo effettivamente si traduca in una minor incidenza di eventi cardiovascolari è stato però solo parzialmente dimostrato. Gli studi randomizzati e controllati OSLER (con evolocumab) e ODYSSEY LONG-TERM (con alirocumab) avevano calcolato, in una prima analisi esplorativa, una riduzione superiore al 45% rispetto a placebo di tutti gli eventi cardiovascolari dopo un follow-up medio di 65 settimane. Lo studio GLAGOV aveva invece dimostrato l’efficacia di evolocumab nel ridurre dello 0.95% (rispetto ad un peggioramento dello 0.05% con placebo) il volume della placca aterosclerotica, misurata mediante ultrasonografia intravascolare e indicatore surrogato del rischio cardiovascolare.

Finalmente, il 17 marzo sono stati presentati al congresso annuale dell’American College of Cardiology e contemporaneamente pubblicati sul New England Journal of Medicine, i risultati dello studio FOURIER, disegnato per valutare l’efficacia di evolocumab nel ridurre l’incidenza di eventi cardiovascolari in soggetti ad elevato rischio (soggetti giá con infarto del miocardio, ictus ischemico o arteriopatia periferica). Il trial, uno dei più grandi mai condotti, della durata di circa 2 anni, ha incluso più di 27000 pazienti con malattia cardiovascolare. Metá dei soggetti ha assunto l’inibitore di PCSK9, mentre l’altra metá ha assunto placebo. Entrambi in associazione a una terapia ipolipidemizzante standard ottimizzata. L’aggiunta dell’inibitore di PCSK9 ha prodotto una riduzione del 27% del rischio di infarto miocardico e del 21% di ictus, senza però alcun effetto sulla mortalitá totale. L’effetto positivo era già visibile dopo un anno di terapia e indipendente dalla posologia del trattamento e dal valore basale di colesterolo LDL. Dobbiamo invece attendere ancora un anno per conoscere l’effetto sugli endpoint cardiovascolari dei 18000 pazienti inclusi nel trial con alirocumab, l’altro inibitore di PCSK9.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.