TUMORE DEL COLON RETTO: NELLE DONNE SOVRAPPESO AUMENTA DEL 37% E IN QUELLE OBESE DEL 93%

Abbiamo già ricordato che sovrappeso e obesità aumentano non solo il rischio cardiovascolare, ma anche il rischio di sviluppare un tumore. A rilanciare l’allarme sulla relazione tra obesità e tumore ecco uno studio che ha analizzato l’associazione tra obesità nelle donne giovani adulte e tumore del colon retto. Il Nurse Health Study ha seguito 85.252 infermiere, di età compresa tra i 25 e i 42 anni, per un periodo compreso tra il 1989 e il 2011. Al momento dell’arruolamento non erano presenti neoplasie, né malattie infiammatorie intestinali. Durante il periodo di follow-up, ogni due anni venivano registrati i dati antropometrici (in particolare peso corporeo e BMI) e si acquisivano informazioni in merito allo stile di vita.
Al termine dello studio, il rischio di tumore del colon è risultato maggiore del 37% nelle donne in sovrappeso (BMI 25-29.9) e del 93% nelle donne obese (BMI≥ 30), rispetto alle normopeso. Per ogni 5 unità di aumento dell’indice di massa corporea, il rischio di tumore del colon retto aumenta del 20 per cento. Il rischio di sviluppare un tumore del colon in età precoce è poi correlato al peso corporeo all’età di 18 anni: nelle donne in sovrappeso a 18 anni, rispetto alle normopeso alla stessa età, il rischio di tumore del colon retto in età precoce è aumentato del 32%, mentre per le donne già obese a 18 anni il rischio è aumentato del 63%.
Il tumore del colon retto è per frequenza il terzo tumore in Italia e in Europa, e rappresenta globalmente il 10.2% di tutti i tumori, con una maggiore incidenza dopo i 50 anni (Globocan 2018). Incidenza e mortalità per questo tipo di tumore sono però in aumento in una fascia d’età più giovane (al di sotto dei 50 anni). Le cause non sono note, ma potrebbero includere l’assenza di programmi di screening, l’adozione di uno stile di vita rischioso (compresi gli eccessi alimentari e la scarsa attività fisica, e conseguente obesità), una predisposizione genetica e influenze ambientali. Per quanto riguarda l’alimentazione, è noto che il consumo di carni rosse e conservate, proteine animali e grassi si associa a un aumentato rischio di tumore del colon, mentre il consumo di pesce, frutta e verdura (ricche in fibra) ha un ruolo protettivo. L’anello di congiunzione tra errata alimentazione e tumore del colon potrebbe essere il microbiota intestinale, che verrebbe resettato in modalità ‘cancerogena’ da un’alimentazione poco sana.

JAMA Oncol (IF=20.871) October 11, 2018. doi:10.1001/jamaoncol.2018.4280

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.