UNA TERAPIA IPOCOLESTEROLEMIZZANTE AGGRESSIVA È PIÙ EFFICACE NEL FAR REGREDIRE L’ATEROSCLEROSI CORONARICA

Lo scopo dello studio che vi proponiamo oggi era di esplorare la relazione tra l’intensità dei trattamenti ipolipemizzanti e i cambiamenti temporali del volume della placca coronarica valutati utilizzando la tomografia coronarica computerizzata (CTA). Sono stati esaminati 467 pazienti che si sono sottoposti a CTA ed esami di laboratorio seriali, con intervalli minimi di 2 anni (mediana 3.2 anni). Tra questi sono stati arruolati 147 pazienti con almeno una placca coronarica. Pazienti con valori di colesterolo LDL inferiori a 70 mg/dl hanno mostrato una significativa attenuazione nella progressione della placca in termini di volume rispetto a quelli con valori maggiori o uguali a 70 mg/dl. L’analisi multivariata ha confermato l’associazione tra livelli di colesterolo LDL maggiori o uguali a 70 mg/dl e la progressione annuale della placca. Un’ulteriore conferma che un rigoroso controllo dei livelli di colesterolo LDL attenua in modo significativo la progressione dell’aterosclerosi coronarica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.