COSA SONO LE HDL?

Le lipoproteine sono le macromolecole costituite, come dice il nome, da lipidi e proteine altamente specializzate (le apolipoproteine), che hanno la funzione di trasportare i lipidi, insolubili in acqua, nel sangue. Le lipoproteine, come abbiamo già visto, si distinguono in cinque classi, chilomicroni, VLDL, IDL, LDL e HDL, in funzione della loro densità, che correla con le dimensioni, per cui le lipoproteine meno dense (i chilomicroni) sono quelle più grandi e le lipoproteine più dense (le HDL) sono quelle più piccole.

Le lipoproteine ad alta densità (HDL) (densità 1.063–1.21 g/mL) rappresentano un gruppo eterogeneo di macromolecole di piccole dimensioni con diametro compreso tra 7 e 12 nm. La componente proteica principale delle HDL è rappresentata dall’apolipoproteina A-I (apoA-I), che gioca un ruolo fondamentale nella biogenesi e nella funzione delle HDL; l’apoA-II rappresenta la seconda proteina strutturale delle HDL. Oltre ad apoA-I e apoA-II, le HDL trasportano numerose proteine, tra cui enzimi, proteine di trasporto dei lipidi e proteine di fase acuta.

Le HDL possono essere separate in sottoclassi in funzione di densità, dimensioni, composizione e mobilità elettroforetica. In base alla densità le HDL possono essere distinte in HDL2 (1.063–1.125 g/ml), più grandi e leggere, e HDL3 (1.125–1.21 g/ml), più piccole e dense. Le HDL2 e le HDL3 possono essere ulteriormente separate in base alla dimensione in cinque sottoclassi: HDL3c, diametro 7.2-7.8 nm; HDL3b, 7.8-8.2 nm; HDL3a, 8.2-8.8 nm; HDL2a, 8.8.-9.7 nm; HDL2b, 9.7-12.0 nm in HDL2a e HDL2b. La gran parte delle HDL circolanti ha forma sferica e presenta la tipica migrazione in posizione alfa all’elettroforesi su gel di agarosio, da cui il nome di alfa lipoproteine. Una piccola porzione di HDL ha invece forma discoidale con conseguente migrazione in posizione pre-beta all’elettroforesi.

Il sistema HDL è molto dinamico e le particelle HDL sono sottoposte a un continuo rimodellamento nel plasma, grazie all’azione di numerosi enzimi e proteine di trasferimento dei lipidi, di cui vi parlerò nei prossimi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.