UN SOLO DRINK AL GIORNO AUMENTA IL RISCHIO DI FIBRILLAZIONE ATRIALE

Bere anche poco, ma regolarmente, aumenta il rischio di sviluppare fibrillazione atriale. È quanto emerge da un’analisi dell’University Heart and Vascular Center di Hamburg-Eppendorf. I ricercatori hanno utilizzato come riferimento un drink giornaliero, definito da una quantità di 12 grammi di etanolo, contenuti in un piccolo bicchiere di vino (120 ml), in una birra piccola (330 ml), o in un bicchierino di superalcolici (40 ml). Hanno utilizzato dati relativi a 107.845 adulti provenienti da cinque coorti in Svezia, Norvegia, Finlandia, Danimarca e Italia; hanno escluso 7.753 partecipanti con fibrillazione atriale al basale, lasciando nell’analisi 100.092 persone. Al basale sono state raccolte informazioni su vari fattori di rischio, tra cui indice di massa corporea, pressione arteriosa, diabete, colesterolo, fumo, cardiopatie, status occupazionale, livello di istruzione e assunzione abituale di alcol. L’età mediana dei partecipanti era di 47,8 anni e per il 51,7% si trattava di donne. Il consumo mediano di alcol era pari a 3 grammi al giorno.
Durante il follow-up, che è durato una mediana di 13,9 anni, sono stati registrati 5.854 nuovi casi di fibrillazione atriale. Il consumo di un drink al giorno aumentava del 16% il rischio di sviluppare una fibrillazione atriale (HR 1.16, 95%CI 1.11-1.22). Il rischio era simile per tutte le tipologie di alcolici consumati.

Questo studio è importante perché offre forti evidenze che anche quantitativi modesti di alcolici possono aumentare, leggermente ma significativamente, il rischio di sviluppare fibrillazione atriale.

Eur Heart J (IF=22.673) 42:1170,2021. doi: 10.1093/eurheartj/ehaa953

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.