COS’È LA DISFUNZIONE ENDOTELIALE?

L’endotelio forma il rivestimento interno di arterie e vene, nonché la parete dei capillari. Non costituisce solo una barriera di separazione tra il compartimento ematico e quello tissutale, ma è un vero e proprio organo capace di svolgere un ruolo chiave nella modulazione del tono vascolare, nell’inibizione dell’aggregazione piastrinica, nella proliferazione della muscolatura liscia vascolare e, in determinate condizioni, anche nell’angiogenesi.

In risposta a stimoli fisici e chimici, l’endotelio è in grado di rilasciare numerose sostanze vasoattive. Tra queste sono incluse: il monossido d’azoto (NO), le endoteline, diverse prostaglandine tra cui la prostaciclina, il fattore di crescita endoteliale, il fattore attivante le piastrine (PAF), le molecole di adesione cellulare (VCAM ed ICAM), le citochine, lo ione superossido, l’attivatore tissutale del plasminogeno (tPA), l’inibitore dell’attivatore del plasminogeno (PAI 1), il trombossano A2 ed il fattore Von Willebrand. Parte di queste sostanze sono secrete dalle cellule endoteliali e agiscono su cellule della parete vasale site nelle immediate vicinanze (azione paracrina) o sono immesse in circolo per un’azione a distanza (azione endocrina). Altre molecole prodotte dall’endotelio esplicano la loro azione rimanendo legate alla superficie delle cellule endoteliali che le hanno prodotte: questo è il caso delle molecole di adesione per i leucociti o per quelle coinvolte nella coagulazione. Alcune di queste sostanze sono prodotte costitutivamente, ovvero in condizioni basali in assenza di stimoli, altre in seguito all’attivazione da parte di stimoli spesso di tipo infiammatorio.

Quando la capacità delle cellule endoteliali di elaborare le sostanze prodotte in condizioni fisiologiche è compromessa, si sviluppa una disfunzione endoteliale, che può essere misurata valutando la capacità delle arterie di dilatarsi in risposta a opportuni stimoli. Nelle prossime settimane vedremo come.

 

Un pensiero su “COS’È LA DISFUNZIONE ENDOTELIALE?

  1. Buongiorno , mi è stata diagnosticata una orticaria di origine vasculitica partita dal tronco e poi diramatasi anche sugli arti inferiori fino al collo dei piedi e con rigonfiamento delle caviglie , la cura in corso è con Decortene ed effettivamente c’è già un notevole miglioramento . Questa infiammazione dei vasi sanguigni può ricondursi quindi anche come una disfunzione endoteliale ? Leggo oggi sul gazzettino che il Corona virus provoca una “tempesta infiammatoria” che coinvolge anche l’endotelio ( io non ho mai avuto febbre ecc. ) , potrebbe esserci un collegamento con la mia patologia ? ( non mi hanno fatto nessun tampone per eventuale test coronavirus ) . Grazie in anticipo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.